Richiesta N. 892 del 01/06/2011

Maschio, 34 anni, 78 Kg, 177 cm

Domanda

Avendo riscontrato di recente l'emocromatosi, ed essendo vegetariano, volevo chiedervi delle informazioni per trovare delle diete ferro-prive.

Risposta

Le diete ferroprive di fatto non esistono perché il ferro è presente in ogni alimento. Se lei è vegetariano sta facendo una dieta che non è molto diversa dalle altre diete come quantità, ma diciamo che contiene un ferro con "minore biodisponibilità" rispetto alle diete carnivore; più di così non c'è ragione.
Se lei ha l'emocromatosi vera (intendo percentuale di saturazione della transferrina e ferritina elevata con assetto genetico compatibile: omozigosi C282Y o eterozigosi composta C282Y/H63D), la terapia per rimuovere il ferro in eccesso è la salassoterapia. Pensare di rimuovere il ferro in eccesso con la dieta è irrealistico, perché noi già assorbiamo una piccolissima quantità di ferro rispetto al contenuto di ferro presente nella dieta, quindi il fabbisogno di ferro viene sempre raggiunto. Al massimo può rallentare l'accumulo ma questo dipende in gran parte dalla severità del difetto genetico.


Ritorna all'elenco delle domande